Questo È Radar Covid, L’app Spagnola Che Traccia Il Coronavirus

Nell’articolo di oggi vediamo: Questo è Radar Covid, l’app spagnola che traccia il coronavirus

Quando abbiamo iniziato a vedere nei notiziari, a dicembre 2019, il caos che il nuovo coronavirus stava causando in Cina, poco potevamo immaginare quello che stava arrivando sulla nostra strada. O di cui avremmo bisogno un radar per rilevare il temuto COVID-19.

Lo abbiamo visto molto lontano, qualcosa di totalmente estraneo alla nostra società. Ma è che la società si è globalizzata e in poche ore possiamo essere dall’altra parte del pianeta, con tutto ciò che questo implica. Non immaginavamo allora la catastrofe sanitaria che si profilava in Spagna. O che mesi dopo ci saremmo persi un’app digitale per il monitoraggio della nuova minaccia come quella che alcuni paesi asiatici avevano dalle prime fasi della pandemia.

Hanno avuto bisogno circa 30.000 deceduti (ufficiale), diversi mesi di reclusione e una crisi economica senza precedenti per le agenzie competenti per reagire, ma sembra che finalmente stiamo cominciando a vedere la luce alla fine del tunnel grazie a Radar Covid… almeno fino a rilevamento significa.

Sappiamo che mancano i tracker e che le analisi delle acque reflue delle grandi città indicano che la situazione potrebbe essere ancora più grave di quanto pensiamo, ma …come avvisare le persone di essere stato in contatto con un paziente nei giorni precedenti la diagnosi?

Questo È Radar Covid, L'app Spagnola Che Traccia Il Coronavirus

Combattere l’asintomatico, priorità assoluta

Una delle caratteristiche di COVID-19 è che, anche se lo è asintomatico, i malati sono altamente contagioso dai primi giorni di contagio. Cioè, non sanno di essere malati, ma non importa: sono stati in grado di diffondere la malattia ovunque siano passati.

Era necessaria una soluzione automatizzata che, al rilevamento di un caso, ne informasse i contatti avrebbero potuto contrarre la malattia mortale. In questo modo avrebbero la possibilità di recarsi in un centro medico e iniziare con i protocolli di azione. Ebbene, quella soluzione è già qui, si chiama Radar Covid e giunge a pieno titolo tra le migliori app di medicina.

CHE COS’È L’APP RADAR COVID

Solo un paio di giorni dopo la revoca del controverso stato di allarme, il Consiglio dei ministri ha approvato il pilot di un’applicazione mobile volta a salvare vite umane anche prima del suo impianto.

In meno di una settimana è iniziata la sperimentazione della prima versione dell’app Radar Covid sull’isola di La Gomera, un ambiente controllato completamente circondato dall’acqua e la seconda isola più piccola dell’arcipelago delle Canarie, superata solo da El Hierro.

Potresti essere interessato a:  Migliori app di giochi da tavolo per Android e iOS

I test sono durati fino al 31 luglio e in esse sono state simulate fino a quattro ondate fittizie di infezioni con risultati molto positivi: l’app Radar Covid ha rilevato circa 6,5 ​​contatti stretti per ogni positivo fittizio confermato. Come abbiamo potuto leggere sul sito web del Ministero dell’Economia e della Trasformazione Digitale, quasi il doppio dei 3,5 attualmente rilevati dalla traccia manuale “.

Prove Radar Covid, un successo clamoroso

Nella successiva apparizione, i responsabili dell’iniziativa hanno riconosciuto che il primo obiettivo del processo era il raggiungimento almeno 3.000 download dell’app per la salute tra i cittadini di La Gomera. Obiettivo che apparentemente non solo è stato raggiunto, ma è stato di gran lunga superato in sede di contabilità più di 60.000 download in tutto il territorio spagnolo nonostante il fatto che Il radar COVID non era ancora disponibile al di fuori del suddetto ambiente.

Un secondo obiettivo, non meno importante, è stato quello di verificare quanti degli utenti che avevano scaricato l’app continuavano a tenerlo sui loro cellulari dopo averlo scaricato. Cioè, una volta che la notizia è passata … gli spagnoli sarebbero disposti a mantenere l’app in esecuzione sui loro terminali?

Questi tipi di attività in background consumano sia spazio che batteria, per non parlare di quei falsi discorsi sul controllo del governo sulla nostra privacy … ma ci sono stati anche risultati positivi. La percentuale di ritenzione ha superato l’80%, o la stessa cosa: circa 9 persone su 10 che hanno scaricato l’app hanno deciso che era positivo per la loro salute lasciarla sul proprio telefono per un po ‘.

E tutto questo per cosa? Ebbene, per poter testare Radar COVID a tempo di record con l’obiettivo di renderlo disponibile alle comunità autonome, che dovrebbero avere l’app pienamente operativo a metà settembre.

Il primo timore dei potenziali utenti era che la loro privacy sarebbe stata violata dopo aver consentito determinati accessi e autorizzazioni sui loro smartphone. Per questo il Ministero ha insistito sul fatto che le raccomandazioni della Commissione Europea siano state seguite rigorosamente e detto questo la privacy è assolutamente garantita.

Potresti essere interessato a:  Cos'è vinted e come funziona per vendere e comprare

Secondo gli esperti che hanno sviluppato l’app di monitoraggio COVID-19, i dati degli utenti non sarà compromesso perché non smettono mai di telefonare verso qualsiasi server. L’intero processo si svolge all’interno di ogni smartphone. Pertanto, questi non possono essere localizzati in alcun modo senza il tuo consenso.

E come fa il mio cellulare a sapere se sono stato in contatto con un positivo per il coronavirus? I piccoli gadget che portiamo in tasca e / o in borsetta sanno il latino … ma è comodo saperlo su quali criteri si basa il funzionamento di questa app per sapere che dovremo resuscitare una funzionalità che molti avranno dimenticato per molto tempo: il bluetooth.

Bluetooth, un’arma dimenticata per combattere il coronavirus

Chi di noi ha le mani libere in macchina e chi ama ascoltare la musica con le cuffie wireless lo avrà comunque attivato nei propri terminali, ma… quante persone lo disconnettono non appena lo acquistano e non si ricordano mai che esiste ancora? Be ‘, attenzione, in questo caso indossarlo potrebbe salvare le nostre vite. Letteralmente.

Si scopre che il bluetooth emette e registra automaticamente identificatori anonimi da altri telefoni. L’unico requisito è che i due dispositivi si trovino a una distanza inferiore a due metri per almeno 15 minuti, precisamente due dei requisiti che piacciono di più al felice coronavirus per trovare nuovi host.

Pertanto, se una persona risulta positiva al test PCR e dà il proprio consenso, Il radar COVID è in grado di identificare i telefoni Cosa hanno avuto contatto ravvicinato e prolungato con il proprio smartphone nei giorni antecedenti il ​​momento della diagnosi e invia un avviso ai suoi proprietari

In esso, l’applicazione Segnala anonimamente che esiste una possibilità riguardo a cosa sono stati infettati. Inoltre, informa sui passaggi successivi da seguire. In altre parole, il governo ha sviluppato un modo per avvertirci che potremmo essere a rischio, ma senza sapere (o almeno così dicono), che siamo noi, con i nostri nomi e cognomi, le possibili vittime e dopo tante seccature … cosa meno che iniziare ad usarlo se non lo stiamo già facendo!

Lascia un commento