ADB su Android: cos’è e per cosa puoi usarlo

Il ponte tra i nostri smartphone e computer è stato chiamato, sin dal suo inizio, ADB. Questo strumento era più utilizzato qualche anno fa rispetto ad ora e le sue funzioni ci consentono di apportare modifiche a qualsiasi telefono cellulare Android.

Nonostante le versioni più moderne di Android abbiano già risolto la maggior parte dei problemi che interessavano i primi prototipi di questi terminali, ADB continua ad essere uno strumento utilizzato che apre una serie di possibilità sui nostri smartphone.

Ma per conoscerlo a fondo e per sapere come puoi sfruttarlo per migliorare il tuo computer, ti diremo cos’è ADB su Android e per cosa puoi usarlo. Non perdere nessun dettaglio!

Cos’è ADB e a cosa serve?

Conosciuto anche come Android Debug Bridge (ADB), è uno strumento che utilizza le righe di comando tra un computer desktop e un telefono cellulare, consentendo di installare o scambiare file tra di loro, nonché di apportare modifiche importanti utilizzando CMD come pass- attraverso il ponte.

Insomma, ADB sfrutta la console di comando del tuo computer per connetterti con il tuo smartphone e inviare comandi privilegiati o con permessi di amministratore, eseguire il debug di alcune applicazioni e persino fare screenshot.

ADB vs ROOT

Molte volte ricorriamo al ROOTing dei nostri terminali per ottenere permessi privilegiati, o almeno darli ad applicazioni e con cui possono eseguire molte delle loro funzionalità.

Tuttavia, ADB può impedire, in molti casi, di sottoporre i telefoni cellulari a un ROOT non necessario, soprattutto se il tuo dispositivo ha una garanzia di fabbrica, che naturalmente ti farà perdere.

Inoltre, può essere molto utile anche installare una ROM più aggiornata o un software per il tuo dispositivo che non è ancora stato rilasciato nella tua regione. Ricordiamo che ci sono produttori che ci fanno scaricare ufficialmente le loro ROM per installarle manualmente tramite comandi ADB.

Di cosa ho bisogno per usare ADB

Ci sono una serie di requisiti che devi essere in grado di utilizzare ADB e questi dipendono dal computer che utilizzerai e da alcune modifiche necessarie che devi apportare sul tuo smartphone.

1. Installa ADB su Windows

Per funzionare, Android ne avrà bisogno installare i driver universali ADB su computer Windows. Dopodiché, dovrai solo aprire la console dei comandi seguendo questi passaggi.

  1. Fare clic sul pulsante Start di Windows e digitare nella lente di ingrandimento «CMD».
  2. Apri l’applicazione della console di comando e apparirà una schermata nera.

Abilita ADB su MacOS

Nel caso dei computer MacOS, le cose sono più semplici. Qui devi solo aprire la console di comando di questo sistema operativo, chiamata «Terminale» e poi scrivere una riga di comando che ti porterà automaticamente al sito di download e installazione.

  1. Fare clic sull’icona della lente di ingrandimento e digitare «terminale».
  2. Apparirà la console dei comandi e dovrai digitare quanto segue:
  3. bash <(curl -s https://raw.githubusercontent.com/corbindavenport/nexus-tools/master/install.sh)
  4. Installa il file richiesto e il gioco è fatto.
Potresti essere interessato a:  Applicazioni Per Prendere Appunti O Appunti Con La Matita Su Android

2. Attiva l’impostazione Debug USB sul tuo smartphone Android:

  1. Sblocca il cellulare e vai alle impostazioni del dispositivo.
  2. Trova l’opzione «Informazioni sul dispositivo» e premi più volte di seguito nel menu «Numero build».
  3. Vedrai che dopo diversi tasti comparirà un conteggio che, quando raggiunge lo zero, indicherà che hai già attivato le opzioni sviluppatore.
  4. Quindi torna al menu delle impostazioni e cerca l’opzione [Opciones de desarrollador].
  5. Scendi dove dice [Depuración USB] e attivarlo.

Connettiti con ADB su una rete Wi-Fi

I passaggi precedenti nei nostri terminali vengono eseguiti utilizzando un cavo USB, poiché dobbiamo prima collegarli all’apparecchiatura e quindi apportare le modifiche tramite i comandi. Per questo motivo è necessaria l’installazione dei rispettivi driver per ogni sistema operativo.

Esiste comunque un’alternativa disponibile per i cellulari con Android 11 o superiore e che eviterà di dover cercare eventuali cavi, ma basterà solo essere connessi direttamente alla stessa rete Wi-Fi.

Sebbene prima di farlo, se dovrai installare i rispettivi driver in base alla tua attrezzatura e anche, segui i passaggi mostrati in precedenza per avanzare con quanto segue.

  1. Collega il tuo cellulare al PC tramite un cavo USB.
  2. Allo stesso tempo, collega entrambi i dispositivi alla stessa connessione Wi-Fi.
  3. Apri la console dei comandi e digita quanto segue:
  4. adb tcpip 5555
  5. Scollega il cavo USB dai due computer e poi cerca l’indirizzo IP del tuo cellulare.
  6. Per fare ciò, entra nelle impostazioni, fai clic su [Acerca del dispositivo] > [Estado] > [Dirección IP].
  7. Prendere nota di quell’indirizzo e quindi digitarlo nella seguente riga di comando sul PC:
  8. adb connect device_ip_address
  9. Intelligente!

Conferma se sei già connesso ad ADB tramite Wi-Fi

  1. Scrivi il seguente comando:
  2. $ dispositivi adb

Lista dei dispositivi collegati

device_ip_address: 5555 dispositivo

Comandi utili che puoi usare con ADB

Avendo già installato questa funzionalità e attivato le opzioni necessarie nel nostro terminale, è possibile utilizzare la console dei comandi tramite alcune formule per apportare determinate modifiche o visualizzare informazioni sui dispositivi collegati.

È importante che colleghi il tuo dispositivo al PC con un cavo USB e poi apra la console dei comandi seguendo i passaggi di cui ti abbiamo parlato in precedenza. Quindi puoi provare i seguenti comandi e sarà sufficiente scriverli:

  • Installazione ADB: Viene utilizzato per installare APK o applicazioni sul telefono cellulare dal PC.
  • Disinstallazione ADB: fa il contrario, disinstallando qualsiasi applicazione.
  • Dispositivi ADB: È il primo comando che dovresti provare e ti dice se c’è qualche dispositivo connesso tramite ADB.
  • ADB Pull: questo comando ti permetterà di inviare file dal cellulare al PC.
  • Spinta ADB: Contrariamente al precedente, consente di inviare file dal PC al cellulare.
  • Riavvio ADB: riavvia forzatamente il cellulare.
  • Recupero ADB: riavvia il cellulare in modalità di ripristino.
  • Bootloader di riavvio ADB: riavvia il cellulare in modalità Bootloader.
  • ADB Shell (solo sviluppatori): Questo comando ti consentirà di modificare il codice Android come preferisci. In altre parole, converte il sistema in modalità testo e dovrebbe essere utilizzato solo dagli sviluppatori.
Potresti essere interessato a:  App Per Guardare Film Online Gratis

Forza modalità oscura

C’è un comando che ti aiuterà a mettere la modalità oscura, nota anche come modalità oscura o tema scuro in alcune applicazioni che non hanno questa funzionalità per impostazione predefinita, specialmente nei telefoni cellulari obsoleti.

Il comando per questo è: le impostazioni della shell adb mettono in sicurezza uinightmode 2

Fai uno screenshot se hai un pulsante danneggiato

Con un semplice comando ADB potrai lanciare uno screenshot in tempo reale, e poi scegliere il supporto di memorizzazione dove vuoi salvarlo, scrivendo poche semplici righe.

  1. adb shell screencap -p /sdcard/screenshot.png

adb pull /sdcard/screenshot.png

adb shell rm /sdcard/screenshot.png

Conclusioni

ADB continua ad essere uno strumento molto utile per molti dei casi, mostrando una serie di funzionalità che possono tirarci fuori dai guai e risolvere problemi che non possiamo riparare con la nostra attrezzatura in mano.

Sebbene, come avrai notato, sia necessaria una certa intuizione e inoltre, è consigliabile seguire le istruzioni alla lettera, soprattutto quando si scrive qualsiasi comando, poiché dipende da loro che le modifiche vengano apportate correttamente e che non si danneggino i terminali.

adb su android cose e per cosa puoi usarlo

Deja un comentario